You are here:

Come conservare l’aglio

Come conservare l’aglio? In Google è un’azione molto ricercata e senza dubbio anche tu te lo sarai chiesto di frequente. In primis l’aglio è facile da conservare se è stato trattato al meglio e se l’essicatura è stata adeguata. La nostra azienda agricola si occupa proprio dell’essicazione selezionando solo le teste di aglio migliori e autoctone e acquistandole da coltivatori vicini e di fiducia. In generale l’aglio si conserva in luogo asciutto e fresco, ben aerato, lontano da finti dirette di luce e calore. Le temperature ideali si aggirano attorno ai 15° C, ma l’aglio lo si può conservare anche sotto sale, nell’olio: scopri qui tutti i consigli su come conservare l’aglio bio più buono d’Italia.

Aglio sott’olio

Sbuccia l’aglio e metti gli spicchi in un barattolo, che avrai precedentemente sterilizzato. Aggiungi l’olio extra-vergine di oliva fino a coprire tutto l’aglio e chiudi immediatamente il barattolo di vetro. Per conservare l’aglio al meglio metti lo stesso barattolo in frigorifero e al bisogno apri e usa gli spicchi necessari alle tue preparazioni.

 

Aglio sott’aceto

Anche in questo caso sbuccia l’aglio, ponilo in un vaso abbastanza grande e di vetro e poi cospargi con aceto di vino, oa scelta di mela. Il barattolo va prima sempre sterilizzato e poi conservato in frigorifero: questo ti permette di avere sempre un prodotto fresco e dove non prolifereranno i batteri. Puoi aggiungere al liquido di aceto anche sale, specie, per esempio alloro, origano, timo, maggiorana, pepe in grani, peperoncino.

 

Sale aromatizzato all’aglio, o aglio sottosale

Conservare l’aglio permette di avere prodotti pronti all’uso gustosi e che daranno ai tuoi piatti un quid in più In particolare con gli spicchi di aglio puoi realizzare un sale agliato delizioso, ma puoi anche usare gli stessi spicchi salati per aromatizzare salse, sughi, il pesce al forno o al cartoccio, le carni, i brasati, le verdure, ecc.
Metti nel robot da cucina l’aglio disidratato o fresco e frullalo fino a ridurlo in polvere o pezzetti. Aggiungi 4 parti di sale marino e frulla per un minuto. Puoi anche decidere di inserire nel sale, nel barattolo di vetro preventivamente sterilizzato, solo gli spicchi interi, questi daranno già al sale il loro aroma. Per una migliore conservazione metti il sale all’aglio in frigorifero e utilizzalo dopo circa 15-20 giorni di riposo.

N.B. L’aglio si conserva per tantissimo tempo se preparato con cura sott’olio, sotto aceto o sotto sale. Soprattutto se lo tieni in frigorifero ti assicurerai un vero jolly in cucina, sempre pronto all’uso e che durerà anche oltre 12 mesi. Preparalo e regalalo per Natale, oppure crea delle bomboniere gastronomiche fai da te con il nostro aglio bio e certificato.

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Ultimi post

Aglio e Cosmesi

L’aglio, oltre ad essere un ingrediente amato in cucina, rivela i suoi benefici anche nel campo della cosmesi, offrendo soluzioni naturali per la cura della

Leggi i più »